Get a site

Shok 1: street artist

agosto 9th, 2012Arte0 Comments »
shok 1

 

Pur occupandomi principalmente di grafica, mi interessa anche parecchio la street art, e oggi navigando ho scoperto questo artista chiamato Shok 1 che fa dei graffiti a mio avviso davvero molto belli! Eccone alcuni

Shok 1 è un veterano dell’arte dei graffiti inglesi e nei primi anni stato uno degli artisti nel suo settore più attivi ed abili del paese. Anno dopo anno, Shok 1 cerca di reinventare l’arte a spruzzo con i suoi ultimi esperimenti verso trasparenze che ricordano i raggi x. Utilizzando colori brillanti e contrastanti per creare effetti tridimensionali e radioattivi, questo street-artist innovatore sta creando effetti visivi davvero sorprendenti.

Shok 1 stesso sul suo Twitter, si definisce un pioniere degli organic graffiti. Vi è infatti una curiosa contaminazione tra street art e medicina che diventa gigantografia; come in uno studio medico surreale en plein air i lampi di intermittenze fluo, illuminano scheletri umani ma anche parti ossee di animali e altri oggetti simbolici formando composizioni davvero interessanti. Egli stesso definisce in un intervista sul sito http://livefastmag.com/2012/07/interview-series-shok-1/ l’effetto dei raggi x come una combinazione di scienza e magia.

Partendo come graffiti writer, Shok-1 ha evoluto il suo stile spostando costantemente i confini tra le sue idee e la tecnica, fino a diventare non solo uno dei writers più stimolanti ed attivi oggi, ma uno degli artisti più stimolanti.

Shok-1 percorre una carriera straordinaria che lo ha portato in tutto il mondo, dalla pittura nei bunker nazisti in Germania fino a venire faccia a faccia con i sensori del governo cinese.

Su http://www.zeitgeistmagazine.com/#/shok-1-interview/4562238960 vi è un’ intervista nella quale parla appunto di uno dei suoi ultimi lavori..

I: Il tuo lavoro ti ha portato in tutto il mondo e un recente viaggio in Cina è finito in una lunga battaglia tirato fuori oltre la censura. Puoi dirci un po ‘tutta la situazione?

Shok 1: Ho lavorato con lo studio di un architetto importante a Shenzhen, i quali stanno facendo un lavoro pionieristico portando gli artisti occidentali a dipingere installazioni di arte pubblica. Il primo progetto nel 2010 ha coinvolto un grande museo che è stato progettato da zero per essere una tela per i murales. Era un edificio incredibile. Siamo arrivati e abbiamo prodotto opere giganti dappertutto. E ‘stato un grande successo.

Quindi, nel 2011 alcuni degli artisti sono stati invitati di nuovo per produrre opere per l’Expo di Shanghai sui muri nel quartiere creativo della città. I motivi per farlo erano opachi; ho scoperto che in Cina le cose tendono ad essere molto indirette e misteriose. Per quanto ho potuto capire, il punto era di ritrarre la Cina come un paese moderno che ha lasciato il suo passato dittatoriale dietro.

In poche parole, quello che è successo è che all’uomo del governo superiore per la zona è stata mostrata una presentazione con idee diverse per le pareti. Tra le varie idee che ho suggerito è stato scelto il cappio a forma di cuore. Poi ho passato del tempo infernale su un pericoloso ponteggio alto 60 ft a dipingere! Il giorno dopo aver finalmente finito, ho mostrato la creazione e c’è stato un problema. Sono stati dati tutti i tipi possibili di motivi contrastanti; sentivo che il problema di fondo era politica, ma ciò non era mai stato dichiarato. Io e gli architetti abbiamo lottato per salvarlo, ma dopo aver lasciato il paese, le modifiche sono state apportate. Ho solo finito per vedere quello che avevano fatto perché uno dei miei amici artisti là fuori me l’ha mandato. Non ho mostrato a nessuno il quadro per molto tempo, ero veramente imbarazzato da esso.

In effetti….

 

 

 

 

« Michal Batory
Alberto Cerriteño »

Post tags

About SvagoProduction

» has written 45 posts

No Comments


*